Edilizia
MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DELLA SIBARITIDE – Cassano allo Ionio (CS)
Thumbnail 1
Thumbnail 1
Thumbnail 2
Thumbnail 3
Thumbnail 8
Thumbnail 8
Thumbnail 4
Thumbnail 5
Thumbnail 6
Thumbnail 7
Thumbnail 8
Thumbnail 8
L1080433
L1080434
Thumbnail 8
Thumbnail 8
Thumbnail 8
Thumbnail 8
L1060496
L1060509
L1070196
previous arrow
next arrow
Thumbnail 1
Thumbnail 1
Thumbnail 2
Thumbnail 3
Thumbnail 8
Thumbnail 8
Thumbnail 4
Thumbnail 5
Thumbnail 6
Thumbnail 7
Thumbnail 8
Thumbnail 8
L1080433
L1080434
Thumbnail 8
Thumbnail 8
Thumbnail 8
Thumbnail 8
L1060496
L1060509
L1070196
previous arrow
next arrow
DIRETTORE DEI LAVORI

Arch. Luciano GARELLA

STAZIONE APPALTANTE

MINISTERO PER I BENI CULTURALI Direzione Regionale per i beni culturali e paesaggistici della Calabria

OGGETTO DEI LAVORI

Realizzazione della nuova unità museale "Ippodameo" nel Polo museale della Sibaritide presso Cassano allo Ionio (CS)

RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

Arch. Francesco PROSPERETTI

PROGETTO

-

PERIODO DI ESECUZIONE

05/11/2014 - 04/11/2015

IMPORTO COMPLESSIVO

€ 3.444.061,39

DETTAGLI INTERVENTO

Gli interventi nascono dall’esigenza di rinnovare il principale polo archeologico – culturale del litorale ionico cosentino fornendolo di nuove dotazioni espositive anche multimediali, di laboratori e spazi didattici e di un nuovo volume da adibire a deposito per i reperti. 

Il primo intervento per importanza è la realizzazione dell’unità museale “Ippodameo”.

La nuova articolazione spaziale e volumetrica dell’unità museale e dei nuovi depositi archeologici punta a migliorare gli aspetti morfologici, funzionali e distributivi dei due organismi. 

L’impianto planimetrico delle due volumetrie è stato riarticolato secondo un principio di chiarezza e semplicità distributiva, in modo da rendere più fluido il percorso espositivo. 

[...]Scopri di più

Gli interventi nascono dall’esigenza di rinnovare il principale polo archeologico – culturale del litorale ionico cosentino fornendolo di nuove dotazioni espositive anche multimediali, di laboratori e spazi didattici e di un nuovo volume da adibire a deposito per i reperti. 

Il primo intervento per importanza è la realizzazione dell’unità museale “Ippodameo”.

La nuova articolazione spaziale e volumetrica dell’unità museale e dei nuovi depositi archeologici punta a migliorare gli aspetti morfologici, funzionali e distributivi dei due organismi. 

L’impianto planimetrico delle due volumetrie è stato riarticolato secondo un principio di chiarezza e semplicità distributiva, in modo da rendere più fluido il percorso espositivo. 

I due interventi architettonici sono uniformati dal rivestimento esterno, costituito da un involucro continuo, una pelle esterna di frangisole lignei montati su intelaiatura metallica che corre con continuità sulle pareti esterne. Questo involucro circonda e intrappola i volumi che compongono i due edifici, facendoli in parte “apparire” all’esterno. Il percorso espositivo attraversa gli ambienti del museo esistente per confluire nel nuovo museo “Ippodameo”, dove saranno allestite tre sale multimediali nelle quali sarà raccontata la storia di Sibari. Il nuovo museo “Ippodameo” è stato concepito come naturale prosecuzione del Museo esistente: si compone di un volume centrale articolato su due livelli nel quale, al livello superiore, si incastrano i tre volumi delle sale multimediali, caratterizzate da un trattamento cromatico individuale e inseriti in una trama lignea continua. Al piano terra sono invece collocati i locali tecnici, il magazzino, la zona uffici e i bagni. I due livelli sono collegati da un corpo scala illuminato da una grande finestra.

Leggi meno