Restauro
CATTEDRALE DEI SS. MASSIMO E GIORGIO – L’Aquila (AQ)
IMG_20220613_100154
IMG_20220613_100550
previous arrow
next arrow
IMG_20220613_100154
IMG_20220613_100550
previous arrow
next arrow
DIRETTORE DEI LAVORI

Arch. Augusto Ciciotti

STAZIONE APPALTANTE

Ministero della Cultura Segretariato Regionale per l ’ Abbruzzo

OGGETTO DEI LAVORI

Lavori di consolidamento e restauro della Cattedrale dei SS. Massimo e Giorgio di L'Aquila.

RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO

Arch. Valerio Tesi

PROGETTO

Prof. Arch. Paolo Rocchi - Arch. Leonardo Nardis - Tecno Art s.r.l.

PERIODO DI ESECUZIONE

In avvio

IMPORTO COMPLESSIVO

22.607.205,73 €

DETTAGLI INTERVENTO

IL TERRITORIO
Il corpo di fabbrica della Cattedrale appartiene a un complesso edilizio più ampio che rappresenta il fulcro delle attività religiose e comunitarie cittadine. La cattedrale è situata ai piedi di Piazza del Duomo, la maggiore delle piazze aquilane, cuore del potere religioso. Adiacente alla chiesa troviamo infatti il Palazzo Arcivescovile, sede dell’Arcidiocesi dell’Aquila. Oltre alla chiesa il complesso monumentale della Cattedrale di S. Massimo a L’Aquila è rappresentato da un vasto impianto di edifici, tra cui la Sagrestia, la Sala Capitolare, la Casa Canonica, il Seminario e la Biblioteca, il Palazzo Arcivescovile e l’Episcopio nonchè la Chiesa di S.

[...]Scopri di più

IL TERRITORIO
Il corpo di fabbrica della Cattedrale appartiene a un complesso edilizio più ampio che rappresenta il fulcro delle attività religiose e comunitarie cittadine. La cattedrale è situata ai piedi di Piazza del Duomo, la maggiore delle piazze aquilane, cuore del potere religioso. Adiacente alla chiesa troviamo infatti il Palazzo Arcivescovile, sede dell’Arcidiocesi dell’Aquila. Oltre alla chiesa il complesso monumentale della Cattedrale di S. Massimo a L’Aquila è rappresentato da un vasto impianto di edifici, tra cui la Sagrestia, la Sala Capitolare, la Casa Canonica, il Seminario e la Biblioteca, il Palazzo Arcivescovile e l’Episcopio nonchè la Chiesa di S. Luìgi.

VALUTAZIONE STATO DI FATTO POST SISMA
Il crollo totale della parte del transetto, a seguito del sisma del 6 Aprile 2009, ha provocato una frattura fra il corpo della navata e quello dell’abside. Le strutture della navata centrale e quelle delle cappelle laterali, se pur rimaste in opera, a differenza del corpo del transetto, presentano importanti lesioni e crolli localizzati. Il livello di degrado e danno dei materiali è ulteriormente aggravato dall’esposizione agli agenti atmosferici per quasi 10 anni e dagli eventi sismici successivi. Il gravissimo stato di degrado della zona absidale ha determinato la perdita di molti apparati decorativi, comprese le tastiere del grande organo a canne. Le decorazioni murarie presentano importanti sollevamenti, abrasioni, distacchi e lacune; la navata centrale presenta lesioni su tutte le superfici pittoriche. La facciata principale ha resistito all’azione sismica, lamentando solo alcune disconnessioni del paramento. Peggiore è la situazione delle due torri campanarie che presentano alcune importanti lesioni. Il prospetto attestante il Cortile è quello interessato dal disastroso crollo che ha causato un danno che si configura per le superfici con rivestimento in pietra a vista attraverso lesioni molto profonde, espulsioni di elementi, disconnessioni tra le lastre. La restante parte intonacata presenta lesioni profonde e lacune, oltre che fenomeni di degrado dovuti all’umidità. Il crollo rovinoso di tutte le strutture del transetto ha coinvolto anche la struttura in acciaio reticolare che sosteneva il tavolato su cui era posizionata la bella tela del Mascitelli con l’immagine della falsa cupola.

GLI INTERVENTI
Il progetto in sintesi è stato suddiviso in due stralci.
Il primo fa riferimento alla Zona del transetto e della conca Absidale, area che corrisponde alla zona di crollo, rimasta esposta fino allo stato odierno all’azione degli agenti atmosferici.
Il secondo stralcio fa riferimento alla navata centrale, a quelle laterali e alla torre campanaria, area che risente degli effetti dell’azione sismica ma non è caratterizzata da crolli.
Lo scopo del progetto è quello di restituire al monumento l’integrità e la fruibilità anteriori al sisma, nella ricchezza degli apparati decorativi, sia per la struttura muraria che per le ingenti opere in legno, in pietra lavorata e stucco.

ZONA ABSIDALE
La zona absidale richiede importanti presidi strutturali, con una ricostruzione che dovrà consentire il ripristino delle grandi lacune murarie nel rispetto delle tipologie costruttive e nel recupero integrale delle volumetrie.

APPARATO DECORATIVO
Particolarmente gravosi risultano gli interventi di ripristino degli apparati decorativi, che si tratti dei basamenti e delle cornici in pietra, dissestate o comunque da rimuovere per arrivare al vivo delle compagini murarie, dei decori in stucco, assai rilevanti e complessi sui cornicioni dell’aula e degli altari delle navate, ma anche delle diverse superfici pittoriche, che siano tele, pittura o affreschi su intonaco.
Adottando la logica del restauro statico-scientifico degli apparati decorativi sono previste operazioni di imperniatura e grappatura che svolgeranno azione di contenimento e di collaborante con il materiale antico.

COPERTURE
Le opere previste riguardano il rifacimento integrale delle coperture sulla navata centrale e su quelle laterali mediante un tavolato in legno sul quale sarà stesa la guaina impermeabilizzante chiodata tipo Jolly Air. Si prevede la sostituzione integrale del manto di copertura con coppi e controcoppi in laterizio, dotati di appositi sistemi fermacoppo. La copertura dei due campanili campanari di facciata sarà revisionata con elementi in piombo e la terrazza sovrastante il timpano di facciata sarà impermeabilizzata.

SISTEMA VOLTATO DI COPERTURA DELL’AULA E DEGLI SPAZI ACCESSORI
La copertura dell’aula è costituita da un sistema di archi in mattoni che scandiscono le volte della navata principale e della zona dell’abside. Tali zone crollate saranno ripristinate con la medesima tipologia originale di mattoni posti a coltello, curandone la continuità con le parti residue, mediante fasce di irrigidimento in FRP e frenelli armati.

FALSA CUPOLA
È prevista la realizzazione di una struttura “autoportante” sulla quale riprodurre la cupola dipinta dal Masciatelli con tecniche di restauro digitale e videomapping.
La struttura sarà realizzata con materiali compositi (resina poliestere ignifugata, tessuti in fibra di vetro e pannelli in polistirene o similare).

LA GRANDE LACUNA DEL MURO SINISTRO DEL TRANSETTO, DEL PILONE
DELL’ARCO TRIONFALE E LA CAPPELLA CON L’ALATARE DEI LOMBARDI E LA TELA DEL PATINI.

Per la ricostruzione delle lacune si procederà rimuovendo in maniera controllata le superfici decorate e gli elementi architettonici decorativi e strutturali danneggiati per riposizionarli e/o ricomporli seguendo tecniche affini alle originali. Le ricostruzioni degli elementi architettonici seguiranno il modello di quelli esistenti, mentre, le finiture e le decorazioni superficiali saranno ricostruite in accordo cromatico con le originali.

LE FACCIATE
Gli interventi relativi al rivestimento in pietra a conci squadrati del prospetto su Piazza Duomo consistono in: rimozione della vegetazione infestante; applicazione di doppio trattamento biocida; eventuale preconsolidamento dei frammenti pericolanti mediante resine o imperniature; microstuccatura o stuccatura nei casi di microfessurazione o fessurazione; rimozione depositi incoerenti tramite idro-lavaggio a bassa pressione; rimozione depositi parzialmente coerenti mediante mezzi meccanici e/o impacchi chimici; applicazione di strato finale protettivo incolore.
Per gli interventi sul prospetto di Via Roio, relativi all’apparecchio murario con conci sbozzati (detto all’Aquilana) con lesene in pietra d’epoca trecentesca, è proposta una rigenerazione muraria eseguita con iniezioni dall’interno della Chiesa.
Il progetto prevede inoltre il restauro di tutti gli apparati lignei, dell’organo e delle pavimentazioni, la rimozione di tutte le vetrate e degli infissi ammalorati da sostituire con infissi in acciaio e corten.

Leggi meno

NEWS CORRELATE

30 Novembre 2023

Bari, lo storico Cineteatro Redentore sarà ristrutturato anche grazie al contributo di Cobar Spa

A Bari lo storico Cineteatro Redentore al quartiere Libertà sarà ristrutturato completamente anche grazie al contributo di 600mila euro donati da Cobar Spa.
Con questo intervento la struttura realizzata dai salesiani, attualmente in disuso, diventerà moderna e polifunzionale.

“La bellezza storica dei teatri è qualcosa di unico. Se poi diventa un’occasione di riscatto delle nuove generazioni allora non ci possono essere dubbi: ognuno deve fare la sua parte per rendere la società migliore” ha dichiarato Vito Matteo Barozzi, amministratore unico di Cobar Spa.

L’articolo completo del “Corriere del Mezzogiorno” QUI

24 Novembre 2023

Cobar realizzerà la nuova Strada “Camionale” di Bari

È giunto al termine l’iter procedurale per l’assegnazione dei lavori della nuova Strada “Camionale” di Bari che sarà realizzata dalla Cobar Spa.

La nuova arteria, come riportato qualche giorno fa anche dal quotidiano La Repubblica, servirà a collegare attraverso viadotti e rotatorie l’autostrada A14 all’area industriale della città di San Nicola, alleggerendo così il traffico pesante nell’area urbana.

21 Novembre 2023

Nuova vita per l’Antico Spedale di Sant’Antonio a Lastra a Signa, restauro e riqualificazione affidati a Cobar

A Lastra a Signa (Toscana) l’Antico Spedale di Sant’Antonio vivrà una seconda vita grazie ad un progetto di restauro e riqualificazione i cui lavori saranno eseguiti dalla Cobar Spa.

L’intervento vedrà la nascita di nuovi ambienti all’interno del complesso risalente al 1400 che ospiterà spazi di coworking, aule didattiche e sale da esposizione.

“Intervenire su opere di interesse storico così importanti ci emoziona – ha commentato Vito Matteo Barozzi, Amministratore Unico di Cobar Spa – ma allo stesso tempo ci pone davanti sfide ed obiettivi diversi da realizzare nel rispetto dei tempi previsti”.

11 Novembre 2023

Presentato al Museo Nazionale e Parco Archeologico di Egnazia il nuovo acquario realizzato da Cobar Spa

È stato presentato al Museo Nazionale e Parco Archeologico di Egnazia il nuovo acquario, che è parte integrante dell’allestimento inaugurato un anno fa al piano interrato denominato “Egnazia e il mare”.

Il taglio del nastro del nuovo allestimento a cui ha lavorato anche Cobar Spa è avvenuto alla presenza del Direttore Generale Musei Italiani del Ministero della Cultura, Prof. Massimo Osanna, del delegato alla Direzione Regionale Musei Puglia, Arch. Francesco Longobardi e del direttore del sito, Dott. Fabio Galeandro.

Il nuovo allestimento gode di nuova vasca contenente oltre 30 mila litri di acqua salata in cui nuoteranno pesci che provenienti dai bassi fondali sabbiosi del mar Adriatico,

7 Novembre 2023

Napoli, Cobar Spa recupererà il Real Albergo dei Poveri

A Napoli il Sindaco Gaetano Manfredi ed il Ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano, accompagnati dall’archistar Paolo Desideri, progettista dei lavori di recupero, hanno firmato l’avvio della fase di cantierizzazione del Real Albergo dei Poveri, che sarà condotta da Cobar Spa.

“Per la Cobar – afferma l’Amministratore Unico Vito Matteo Barozzi – sarà una sfida avvincente quella di guidare un intervento di rigenerazione urbana così importante sul più grande edificio pubblico d’Europa. Sentiamo la responsabilità e siamo profondamente orgogliosi e onorati di questo incarico”.

30 Ottobre 2023

Prima celebrazione eucaristica nella Basilica di San Benedetto a Norcia ricostruita da Cobar Spa

Sette anni dopo il tragico sisma che nel 2016 colpì l’Italia centrale, la Basilica di San Benedetto a Norcia riapre eccezionalmente le porte per la prima celebrazione eucaristica dal crollo, insieme alla benedizione delle nuove campane. Lo storico evento è stato reso possibile dall’avanzamento dei lavori curati da Cobar Spa e ha visto la presenza dell’arcivescovo della Diocesi di Spoleto–Norcia, Monsignor Renato Boccardo, e del Commissario alla ricostruzione Guido Castelli.

“Siamo molto soddisfatti per la buona progressione del cantiere e soprattutto per essere in anticipo sulla tabella di marcia rispetto alla consegna di questa grande opera”.

11 Ottobre 2023

Museo del mare di Reggio Calabria, Cobar: “Protocollo per la legalità, modello virtuoso”

“Dopo aver realizzato il waterfront della città, è un onore e una responsabilità contribuire allo sviluppo di Reggio Calabria con la costruzione di un’opera ambiziosa come il Museo del Mare.

Vogliamo operare al meglio e riteniamo che il protocollo per la legalità che abbiamo sottoscritto con Ance Calabria, Prefettura di Reggio Calabria e Ministero dell’Interno, alla presenza del ministro Matteo Piantedosi, possa rappresentare un alleato fondamentale per affrontare questa prova, oltre che un modello virtuoso e una esperienza pilota da adottare anche in altri cantieri” ha dichiarato Vito Matteo Barozzi, amministratore unico di Cobar Spa, società capogruppo del raggruppamento temporaneo di imprese con la lucana Mancusi Spa,

15 Settembre 2023

Cobar a Bari per discutere di Pnrr e imprese

Cobar Spa tra i principali ospiti dell’evento “Pnrr: il factoring quale strumento a supporto delle imprese per favorire lo sviluppo del Paese”, che si è svolto mercoledì mattina 13 settembre a Bari al Teatro Petruzzelli, nell’ambito del Roadshow Factoring.

All’evento organizzato da Banca Progetto, Kredias SpA e AppaltiPnrr con il patrocinio di Confindustria Bari e Barletta-Andria-Trani e Assifact, è intervenuto l’amministratore unico di Cobar, Vito Matteo Barozzi, nella sessione di lavoro dedicata a soluzioni ed opportunità offerte dal Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, evidenziando aspetti positivi e criticità nell’attuazione dei fondi messi a disposizione dell’Italia nell’immediato post covid.

24 Luglio 2023

“Strada Porta del Levante”, aggiudicata a Cobar Spa l’opera strategica che collegherà il Porto di Bari alla rete autostradale

La città metropolitana di Bari rappresenta uno dei più importanti scali commerciali dell’Italia meridionale e centro di collegamento verso l’Est Europa e il medio Oriente.
Cobar spa realizzerà la “Strada Porta del Levante”, l’infrastruttura che collegherà velocemente il porto di Bari alla rete autostradale.
L’opera rientra nel programma europeo TEN-T (Trans-European Networks- Transport) che si pone l’obiettivo di integrare la rete di trasporti barese con le reti viarie dell’Europa e dell’Est Asiatico.
«La nuova viabilità – ha dichiarato Vito Matteo Barozzi, amministratore e fondatore di Cobar – avrà lo scopo di unire in un sistema infrastrutturale efficiente le esigenze logistiche del porto,

21 Luglio 2023

Il Giornale racconta Cobar in un viaggio nel mondo del restauro italiano

“Dal Colosseo alla Basilica di Norcia, i cantieri impossibili dei maghi del restauro”

Il restauro è un’arte che Cobar Spa conosce in ogni dettaglio e sfaccettatura. 

Il quotidiano Il Giornale ha dedicato un articolo all’azienda leader in Italia nel settore del restauro: un excursus temporale che racconta i 40 anni dell’azienda pugliese con più di 350 dipendenti, i lavori più importanti, allo stesso tempo più delicati e dal forte valore simbolico. Il Colosseo e il restauro degli ipogei, il Teatro San Carlo a Napoli, il Palazzo Reale di Caserta e il Museo Archeologico Nazionale di Reggio Calabria: solo per citare alcuni dei beni culturali tornati all’antico splendore.

26 Giugno 2023

“Quando ristrutturare è un’arte”: Milano Finanza racconta la realtà Cobar

L’autorevole quotidiano economico Milano Finanza dedica ampio spazio nel suo speciale Rapporto Immobiliare a Cobar Spa.

Nella pagina di approfondimento l’Amministratore unico Vito Matteo Barozzi ha raccontato e spiegato le attività e i progetti dell’azienda soffermandosi sulla complessità dei grandi restauri effettuati negli anni, dal Colosseo al Teatro San Carlo, da Palazzo Barberini fino ad arrivare alla Basilica di San Benedetto a Norcia, quest’ultima oggetto di una recente visita del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, in un complesso percorso cucito su misura per ogni cantiere fatto di studio, passione e arte delle maestranze per conservare al meglio il patrimonio artistico italiano.

22 Giugno 2023

Cobar main sponsor del Festival Il Libro Possibile 

La Cobar Spa ha partecipato a Roma al Ministero della Cultura alla conferenza stampa di presentazione della XXII edizione del Festival Il Libro Possibile che si terrà dal 5 all’8 luglio nella splendida cornice di Polignano a Mare.

Nel corso dell’evento, tenutosi nella Sala della Crociera e che ha visto anche la presenza del Sottosegretario alla Cultura Vittorio Sgarbi, è stato presentato il programma della kermesse nella quale il 6 luglio l’Amministratore unico di Cobar Vito Matteo Barozzi, parteciperà al talk “Il restauro in Italia, l’edilizia della sostenibilità” condottò da Enzo Magistà, Direttore dell’informazione di Telenorba.

19 Giugno 2023

Area di San Pietro a Bari vecchia, Cobar partecipa a Giornate Europee dell’Archeologia

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, Cobar Spa ha partecipato all’apertura delle visite guidate nell’area archeologica di San Pietro nel cuore di Bari vecchia, dove siamo impegnati in una delicata e importante attività di restauro.
Le visite sono state organizzate dal Segretariato Regionale per la Puglia del Ministero della Cultura, guidato dall’Architetto Maria Piccarreta.

L’Amministratore unico di Cobar Spa, Vito Matteo Barozzi, ha avuto il piacere di accompagnare i primi visitatori all’interno del sito archeologico, vero protagonista dell’evento, che vede la collaborazione anche della Città Metropolitana di Bari, di Ance Puglia e Bari Bat, della Fondazione Gianfranco Dioguardi e della stessa Cobar.

15 Giugno 2023

Giornate Europee dell’Archeologia, visite guidate e cantiere evento nell’area di San Pietro a Bari vecchia 

In occasione delle Giornate Europee dell’Archeologia, il Segretariato Regionale per la Puglia del Ministero della Cultura, diretto dall’architetto Maria Piccarreta, organizza una due giorni di eventi nell’area archeologica di San Pietro, a Bari vecchia.

Si inizia venerdì 16 giugno, alle 10.00, con la prima visita guidata all’interno dell’area riservata alle autorità. A seguire, ogni mezz’ora fino alle 12.30, i visitatori, a gruppi di 10 persone alla volta, saranno accompagnati in un tour dell’area dagli archeologi impegnati nelle operazioni di scavo.

30 Maggio 2023

Cobar sostiene il Bioeconomy Day 

L’evento si è svolto presso il Politecnico di Bari lo scorso 24 maggio

Mercoledì 24 maggio 2023, presso il Politecnico di Bari, si è tenuto un importante appuntamento su Bioeconomy Day “Sistema territoriale tra modelli e processi di inclusione” organizzato nell’ambito del Festival dello sviluppo sostenibile 2023.

Cobar SPA, particolarmente sensibile alla tematica, ha sostenuto l’evento. Tra gli obiettivi etici perseguiti dall’azienda pugliese, c’è sicuramente quello di promuovere una cultura della sostenibilità e rendere lo sviluppo sostenibile un tema di attualità.

4 Maggio 2023

Cobar al Salone Internazionale del Restauro di Ferrara

Dal 10 al 12 maggio saremo presenti con un nostro stand espositivo al Salone Internazionale del Restauro di Ferrara.

Anche quest’anno parteciperemo ad una manifestazione unica, un luogo d’incontro per aziende, istituzioni, ricercatori e appassionati del mondo del settore del restauro. Il successo di questi eventi contribuisce all’evoluzione del nostro lavoro e alla valorizzazione del patrimonio storico e culturale dell’Italia e siamo fieri di poter contribuire al suo successo, mostrando i risultati del nostro lavoro.